la storia della Madonna di Porto a Gimigliano (Catanzaro)

La storia del Santuario della Madonna di Porto a Gimigliano (provincia di Catanzaro, in Calabria) risale al XVII secolo, e la devozione profondamente radicata nel cuore dei fedeli nel corso del tempo ha visto miracoli, conversioni e una continua affluenza di pellegrini.

Questa la storia e le informazioni utili sul santuario:

Attenzione a non confondere questo santuario con la “Madonna di Porto Salvo”, che è uno dei titoli con cui viene venerata la Santa Vergine Maria come protettrice degli uomini in mare e conseguentemente festeggiata in diverse località costiere in Italia.

 

la storia e i miracoli

La venerazione della Madonna di Porto ha inizio nel 1626, durante un periodo di gravi calamità: all’epoca la popolazione locale era oppressa dalla paura di continue scosse di terremoti e il pericolo della peste. Cercando un’ancora di salvezza nella fede la popolazione di Gimigliano si ispirò alla protezione ricevuta dai napoletani dall’immagine della Madonna di Costantinopoli: durante la peste del 1529 a Napoli (scoppiata due anni prima durante l’assedio francese, e che causò ben più di 30.000 morti) a seguito di una visione in un sogno venne ritrovata una immagine della Vergine alle porte della città, vi si fece voto di fedeltà con la promessa della fine della pestilenza, e quando l’epidemia cessò da lì a poco nacque una confraternita dedicata a questa immagine della Madonna di Costantinopoli e con il passare degli anni il culto si intensificò, fino alla costruzione della Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli (sull’omonima via napoletana) completata nel 1608, quindi pochi anni prima degli eventi qui narrati.
I fedeli di Gimilgiano desiderarono una copia dell’immagine: l’opera venne commissionata ad un pittore locale che si mise al lavoro, fino a che il dipinto solo abbozzato venne miracolosamente completato da mani angeliche durante una notte. Questo primo miracolo segnò l’inizio di una devozione che sarebbe durata secoli.

Un altro evento significativo avvenne nel 1751, quando la Madonna apparve a Pietro Gatto, un giovane sbandato del luogo: la Vergine chiese a Pietro di costruire una cappellina nella vicina contrada chiamata “Porto”. Pietro, inizialmente malvisto dalla popolazione e dai preti del posto a causa della sua reputazione, venne toccato nel cuore dall’apparizione, e seguì il comando della Madonna: cambiò vita e divenne un eremita, prendendo il nome di Fra Costantino (in onore della Madonna di Costantinopoli) e dedicandosi alla costruzione della piccola cappella con dentro la riproduzione dell’immagine miracolosa. La piccola cappella divenne poi una chiesa, e la popolazione prese l’usanza di portare in processione l’immagine miracolosa, tradizione religiosa seguita ancor oggi.

La terza data fondamentale è il 1807, quando a fine febbrario le truppe francesi che invasero la Calabria arrivarono a Gimigliano mettendo a ferro e fuoco il paese: il comandante delle truppe venne particolarmente colpito dall’immagine della Madonna e se la prese come trofeo di guerra, portandola a Catanzaro. Ma allora avvenne un altro prodigio: nel buio della notte il comandante vide che dall’immagine si emanava una luce, un bagliore mistico, che portò l’ufficiale alla comprensione e al pentimento. Il dipinto venne dunque restituito poco dopo. Questo evento rafforzò ulteriormente la fede e la devozione verso la Madonna di Porto: sia consolidando il legame tra la comunità locale e la Vergine, sia ampliando la devozione fino al capoluogo Catanzaro.

 

il santuario oggi

La devozione è rimasta solida nel passare del tempo, anzi ha continuato a crescere, culminando nel 2013 quando il santuario della Madonna di Porto è stato elevato a Basilica Minore. Questo riconoscimento ha sottolineato l’importanza del santuario come luogo di pellegrinaggio e devozione.

Questo l’aspetto attuale del Santuario della Madonna di Porto:

Santuario della Madonna di Porto a Gimigliano (Catanzaro)

photocredit: Yiyi , licenza CC 4.0

L’evoluzione dalla piccola cappella iniziale è stata sostenuta dalla fede della popolazione.

 

la festa annuale

Ogni anno, la festa della Madonna di Porto attira numerosi pellegrini, inclusi molti emigranti che tornano appositamente per partecipare alle celebrazioni. La processione, che parte da Gimigliano e arriva alla Basilica di Porto, è ancora un momento di profonda spiritualità e fede.

Il rituale si celebra annualmente durante il lunedì e martedì di Pentecoste: migliaia di pellegrini arrivano dalle varie località della provincia e della regione, fermandosi prima nella Cattedrale di Gimigliano, per poi dirigersi in processione verso il Santuario nella località Madonna di Porto.

Questo un breve video dell’emittente locale:

Youtube video preview festa Madonna di Porto Gimigliano

Per approfondimenti vedere la pagina sulla festa della Madonna di Porto.

 

orari messe

Il santuario è aperto tutto l’anno dalle 7.30 alle 19.30.

Orari SS Messe:

Festivi: alle 11.00 e alle 17.30 (16.30 in inverno)

Martedì: alle 9.00 e alle 17.30 (16.30 in inverno)

Sabato: alle 17.30 (16.30 in inverno)

Verificare eventuali variazioni degli orari telefonando al numero: +39 0961 995046

 

mappa e come arrivare

Il Santuario della Madonna di Porto si trova subito a nord del comune di Gimigliano, a sua volta a nord ovest di Catanzaro (e a nord est di Lamezia Terme).

indirizzo: Strada provinciale Gimignano, CZ, Italia

Questa la posizione sulla mappa della Calabria: Google Maps

Mappa del Santuario della Madonna di Porto a Gimigliano, Calabria

Non esistono trasporti pubblici: ci si può arrivare solo con la propria auto, oppure in circa un’ora di cammino da Gimigliano.

 

 

Photocredit immagine di copertina: Yiyi , licenza CC 4.0

 

 

Questo sito è gestito in modo indipendente e non rappresenta in alcun modo la basilica di Madonna di Porto a Gimigliano, la relativa parrocchia o la diocesi di Catanzaro-Squillace. Per informazioni ufficiali si prega di rivolgersi direttamente alla diocesi di Catanzaro-Squillace.
Si può anche contattare direttamente il santuario al numero telefonico +39 0961 995046